TERAPIA D'ESERCIZI - TUTTI I CORSI DI OSTEOPATIA ONLINE PER ARGOMENTO

Vai ai contenuti

Menu principale:

TERAPIA D'ESERCIZI

ESERCIZI POSTURALI

Indicati anche per persone che soffrono di alterazioni delle curve rachidee sia in ipercifosi 
che in iperlordosi o deviazioni del rachide sul piano frontale (atteggiamento di scoliosi)


STRETCHING ATTIVO

Da eseguire al mattino appena scesi dal letto per circa 3 minuti.

Esercizio 1 - posizione eretta:
piedi distanziati circa 10-15 cm., ginocchia leggermente flesse. Piegarsi in avanti e cercare di toccare il suolo con le mnai senza sollevare i talloni da terra. Raggiunta la posizione estendere il più possibile le ginocchia sollevando i talloni da terra per circa 2 cm.. Rimanere 30 sec.. Proseguire con l'esercizio successivo.

Esercizio 2 - arco energetico: divaricare maggiormente i piedi, piegare il busto all'indietro a formare un arco. Le ginocchia sono piegate maggiormente rispetto all'esercizio 1. Appoggiare le mani chiuse a pugno dietro la schiena all'altezza della cintura e portare indietro la testa fino al limite massimo, conservando l'equilibrio. Mantenere le posizione per 30 sec., poi ripetere l'esercizio 1 come descritto. Dopo qualche minuto ripetere l'intera serie.

Esercizio 3 - posizione di partenza prono, con la testa e le spalle fuori dal lettino fino all'altezza della D3, le mani che poggiano con gomiti flessi sul letto all'altezza delle spalle. Da questa posizione lasciare scendere la testa, avvicinando il mento allo sterno, per stirare i muscoli posteriori del collo. Ad ogni espirazione portare maggiormente il mento verso lo sterno rilassando le spalle. Continuare l'esercizio per 2 minuti.

Esercizio 4 - modifica curve rachidee antero-posteriori: le mani sui fianchi, dita rivolte indietro e verso il basso e pollici verso le SIAS. Flettere le ginocchia sollevando i piedi di 10/15 cm. dal piano di appoggio. Ugualmente le spalle si sollevano dal tavolo portando in tensione i muscoli paravertebrali. Rimanere in posizione per 90 sec. favorendo la respirazione addominale.

Esercizio 5 - modifica curve rachidee latero-laterali (atteggiamento scoliotico): correzione di scoliosi lombare dx convessa - dalla posizione dell'esercizio appena descritto spingere con il ginocchio dx flesso a 90° sul piano di appggio, il piede sx rimane sollevato di circa 10/15 cm. con ginocchio appoggiato. Si sostiene con la mano dx sul bordo del letto, mentre la mano dx è sulla zona lombosacrale con il palmo rivolto verso l'alto. Mantenere le posizioni per 90 sec., per una convessità sx invertire tutti i parametri.

Esercizio 6 - Appoggiare le mani vicino alle spalle arrivando alla posizione genopettorale. Appoggiare la fronte ad estendere la gamba dal lato della concavità lombare; porre la mano opposta sulla zona lombosacrale con il palmo rivolto verso l'alto. Se il soggetto riesce ad estendere e sollevare la gamba, appoggiare sul gomito della mano di appoggio.

Esercizio 7 - Ritornare alla posizione 3, poggiare la fronte su uno sgabello imbottito rafforzando gli addominali. Se necessario sostenere il peso del corpo sulle mani. Mantenere la posizione per 90 sec..

Esercizio 8 - Porsi in posizione quadrupedica, i gomiti rimangono leggermente flessi, quindi allungare la gamba dal lato della concavità mantenendola per 90 sec., estendere e sollevare la gamba per 90 sec., estendere e sollevare anche il braccio controlaterale (richiede maggiore equilibrio).

Esercizio 9 - per la posizione del gatto, mantenere i gomiti lleggermente flessi , inarcare la schiena durante la fse di espirazione e sollevarla durante la inspirazione. Ripetere per circa 2 minuti.

PROTOCOLLO GENERALE PER LA IPERLORDOSI

Esercizio d rafforzamento dei muscoli addominali superiori:
la persona si posiziona supina con anche e ginocchia flesse, piedi poggiati a terra e braccia tese. Sollevare il capo, il collo e la parte superiore della schiena da terra. Provare a toccare le ginocchia con le mani; rimanere in questa posizione per 5-15 sec., poi lentamente ritornare a terra. Rilassare, riposare e ripetere.

Esercizio di rafforzamento addominale rotatorio: il soggetto si mette supino con anche e ginocchia flesse, piedi a terra. Sollevare il capo, il collo e la schiena da terra, andare a toccare i ginocchio sx con entrambe le mani eseguendo una torsione. Mantenere la posizione per 5-15 sec. poi lentamente ritornare alla posizione di partenza. Rilassare e riposare, poi ripetere dall'altro lato.

Esercizio di rafforzamento dei muscoli addominali inferiori: il paziente si sdraia supino sul pavimento, con ginocchia leggermente piegate e talloni a terra. Contrarre i muscoli addominali e appiattire la lordosi lombare a terra. Sollevare la gamba sx di 15-20 cm. mantenendo le ginocchia leggermente flesse, mantenere la posizione per 5-15 sec., ritornare alla posizione di partenza. Rilassare, riposare e ripetere con la gamba dx.

Esercizio 2: il paziente si sdraia supino sul pavimento, con le mani si attacca ad una struttura solida. Contrarre i muscoli addominali mantenendo la schiena a terra, flettere le ginocchia a 45°sollevando i piedi di 15-20 cm.. Mantenere la posizione per 5-15 sec., poi ritornare alla posizione di partenza. Rilassare, riposare e ripetere.

MUSCOLI DELLA SCHIENA BASSA

Stiramento - esercizio 1:
il paziente si siede sul bordo di una sedia con piedi appoggiati a terra. Incrocia le braccia davanti al petto e piega il corpo in avanti lasciando che il peso induca uno stiramento della parte inferiore della schiena. Mantenere la posizione per 5-15 sec., poi ritornare lentamente alla posizione iniziale. Rilassare, riposare e ripetere. Attenzione: su alcuni soggetti questo esercizio potrebbe causare vertigini e/o ipotensione.

Stiramento - esercizio 2: il paziente si siede sul pavimento con gambe distese. Porta in avanti il busto afferrando le tibie con le mani, allungando le braccia il più possibile, effettuando così uno stiramento della parte inferiore della schiena. Mantenere la posizione per 5-15 sec., poi ritornare lentamente alla posizione iniziale. Rilassare, riposare e ripetere.

STIRAMENTO ROTATORIO

Esercizio 1: il paziente si draia supino sul pavimento, con braccia e gambe distese, piegare il ginocchio dx accavallandolo sulla gamba sx appoggiando il piede al pavimento vicino al ginocchio esteso. Con la mano sx afferrare il ginocchio dx e tirarlo lentamente verso il pavimento producendo così uno stiramento rotatorio della parte inferiore della schiena dal lato dx. Mantenere per 10-15 sec., poi rilasciare il ginocchio dx, rilassare e ripetere. Per eseguire il lavoro dal lato sx della schiena invertire le posizioni ginocchio-mano.

Esercizio 2: il paziente si draia supino sul pavimento, con anche e ginocchia piegate, piedi uniti a terra. Con il piede sx che funge da fulcro, ruotate le ginocchia a sx, il peso delle gambe fa stirare la schiena inferiore dx. Attenzione a mantenere le spalle a terra, non usare la contrazione muscolare per aumentare lo stiramento. Mantenere il massimo stiramento per 5-15 sec., riportare le ginocchia alla posizione di partenza. Rilassare, riposare e poi ripetere. Per eseguire lo stiramento a sx invertire le posizioni.

MUSCOLO GRANDE GLUTEO

Stiramento attivo: il paziente si draia supino sul pavimento, con anche e ginocchia piegate, piedi uniti a terra. Portare il ginocchio dx sul petto e afferrarlo con le mani, contemporaneamente stendere la gamba sx; rimanere in posizione 5-15 sec. Invertire l'esercizio portando il ginocchio sx sul pettoe allungando la gamba dx. Rimanere in posizione per 5-15 sec., ritornare alla posizione di partenza. Rilassare, riposare e ripetere.

Stiramento passivo: il paziente si sdraia supino sul pavimento, con ginocchia flesse, piedi a terra e braccia lungo il corpo. Portare il ginocchio dx al petto e afferrarlo con le mani incrociate. Passivamente e lentamente tirare maggiormente lo stesso ginocchio al petto e rimanere per 5-15 sec., ritornare alla posizione di partenza e ripetere con l'altro ginocchio. Ripetere portando entrambe le ginocchia al petto contemporaneamente. Nota: in caso di problema alle ginocchia incrociare le mani all'altezza della coscia, vicino alla regione poplitea.

RACHIDE LOMBARE

Appiattimento lombare (retroversione pelvica e diminuzione della lordosi): il paziente si sdraia a terra supino con le braccia allungate sopra il capo, ginoccha flesse e piedi a terra. Contrarre contemporaneamente i muscoli addominali ed i glutei, appiattire la schiena contro il pavimento, se necessario ruotare la pelvi all'indietro per una maggiore riduzione della lordosi. Mantenere la posizione per 5-15 sec.; rilassare, riposare e ripetere. 

 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu